Gioielli punto luce: i più eleganti da sempre

I punti luce, che siano orecchini o collane, non passano mai di moda, ma anzi sono gioielli molto tradizionali che donano alle donne di tutte le età. Nella loro semplicità sono simbolo di indiscussa eleganza e raffinatezza, non possono mancare nei portagioie di ogni donna, sono adatti a tutte le occasioni e a tutti gli outfit, da quelli più formali a quelli più casual.
Le collane punto luce sono in grado di donare nuovo splendore al viso e si esaltano con acconciature che prevedono capelli raccolti, che liberano il viso mettendo in risalto questo gioiello che diventa protagonista indiscusso dell’immagine di chi lo indossa. Per indossarla al meglio e farla risaltare per l’importanza che merita è bene portarla da sola, senza altre collane o ciondoli.
Il gioiello punto luce è disponibile in un’infinità di modelli e sfumature per soddisfare ogni donna: si può scegliere tra collana, girocollo, orecchini con un vasto assortimento di diversi modelli (rotondi, romboidali, quadrati, esagonali, a fiore, a stella, a cuore,…) con semplici zirconi o impreziositi da un diamante.

Come indossare i gioielli punto luce

Se hai degli orecchini punto luce non nasconderli! Indossali con i capelli raccolti, magari con uno chignon per un’occasione lavorativa (così sei più professionale) oppure con una coda alta per un look più informale. Sono orecchini perfetti sia per il giorno che per la sera a completare un outfit bon-ton colorato o anche un tubino scuro.
Invece se vuoi indossare una collana punto luce è bene adattare la sua lunghezza all’abito che indosserai. Un girocollo è adatto per una scollatura a V, a cuore oppure rotonda. Ti sconsiglio di portarlo con una maglia dolcevita: in questo caso sarebbe più adatta una collana lunga con un ciondolo grande, il punto luce è fatto per illuminare la pelle e far risaltare il decolteè.

Per l’acquisto della collana o degli orecchini punto luce è importante rivolgersi alle gioiellerie più affermate sul mercato in grado di garantire l’assoluta autenticità dei diamanti anche a chi non essendo esperto non è in grado di riconoscere l’autenticità del diamante.

Breve guida sui diamanti

Il diamante è la pietra preziosa per eccellenza, non solo per il suo valore ma anche per la lucentezza e il bagliore che è in grado di regalare.
Gli antichi greci credevano che i diamanti fossero frammenti di stelle caduti sulla Terra, altri invece credevano che fossero le lacrime delle divinità piovute dal cielo o il segno dell’intervento divino, in grado di trascinare Lucifero negli inferi.
Tutti i diamanti sono pietre rare, ma in base a specifiche caratteristiche, alcuni sono più rari di altri.
Le 4 C sono i fattori che determinano il valore del diamante:
Colore (Color): I diamanti possono assumere quasi tutte le colorazioni, che sono dovute ad impurezze o difetti strutturali: il giallo ambrato e il marrone sono le più comuni, il rosso, il rosa e il blu sono le più rare, come quelle del tutto incolori e trasparenti;
Purezza (Clarity): sono considerati difetti le fessure naturali (o “ghiacciature”), le tracce di sfaldatura e le “linee di accrescimento” della gemma originaria;
Taglio (Cut) – l’unico fattore determinato dall’uomo – : In base alla qualità del taglio i diamanti vengono suddivisi in “very good” (simmetria/proporzioni perfette), “good” (simmetria/proporzioni inferiore), “poor” (scadente, con difetti più grandi e/o numerosi);
Peso (Carat): i diamanti si pesano in carati e un carato equivale esattamente a 0,2 grammi.

Consigli per l’acquisto

Se deicidi quindi di acquistare un gioiello punto luce con diamante è bene:
• Valutare tutte le 4C e scegli la pietra in base alle tue tasche;
• Che il diamante sia certificato IGI (Istituto Gemmologico Italiano) o Certificato H.R.D. Alto Consiglio dei Diamanti;
• Scegliere con cura il modello: solo così sarà un gioiello che vorrai indossare tutta la vita!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *